I 10 FINALISTI DELLA II° edizione di UN COCKTAIL PER LA VITA
luglio 15, 2018
UN COCKTAIL PER LA VITA – FRANCESCO DRAGO VINCE LA II° EDIZIONE
luglio 26, 2018
Show all

UN COCKTAIL PER LA VITA: L’ESPERIENZA DI IVAN MILONE

Un Cocktail per la Vita è la friendly barman competition nata per ricordare la più grande passione che Enzo aveva: il flair bartending e le tecniche di mixology.

Un Cocktail per la Vita è nata nel 2016 grazie ad una felice intuizione di Marco Sdrubolini (docente di Enzo a Roma) ed alla collaborazione di alcune persone fondamentali tanto quanto Marco e senza il cui contributo nulla si sarebbe potuto fare: Paolo D’Amore e Loris Prisciano.

Tutti e 3 insieme formano il nostro trio di giudici che anche quest’anno assisteranno e valuteranno le performance dei 10 finalisti.

 

Nel percorso di avvicinamento all’evento Finale che si terrà il 25 Luglio, alle ore 19.00, sul lungomare di Policoro, abbiamo raggiunto a Firenze Ivan Milone; il vincitore della I° edizione di Un Cocktail per la Vita con cui abbiamo scambiato due chiacchiere e a cui abbiamo chiesto ricordi, impressioni e consigli da condividere qui. Buona lettura.

 

COME SEI VENUTO A CONOSCENZA DI QUESTA INIZIATIVA?

Tramite la pubblicità su Facebook. L’immagine mi ha subito incuriosito, non ci ho pensato un attimo e mi sono detto: “Voglio partecipare”.

PERCHÉ HAI DECISO DI PARTECIPARE A UN COCKTAIL PER LA VITA?
Mi è sembrata sin dalla prima impressione una gara, una competition molto genuina, piena di amore, fatta per stare insieme tra amici, realizzata da persone che vogliono condividere una serata ricordando Enzo.

COME È NATO IL TUO COCKTAIL “LA TEORIA DEI COLORI” CON CUI HA PARTECIPATO E VINTO LA PRIMA EDIZIONE?
È nato in parallelo, mentre stavo creando un nuovo menù del locale dove stavo lavorando che si basava sui colori dell’estate 2017. Ho lavorato ad un cocktail con un colore cromatico diverso andandomi a concentrare su un aspetto significativo dell’accostamento tra la cromia del colore arancio ed il contrasto della sfumatura di porpora viola che, insieme, formavano una gamma cromatica diversa dove ENERGIA e VITA si fondevano.

E QUANDO SEI STATO CONVOCATO PER LA FINALE?
Ho ricevuto la convocazione via email e non me l’aspettavo proprio! Perché certe cose non sono programmabili, quindi l’aver letto questa email è stata propria una bella sorpresa. Ci si iscrive a tante gare, competition ed ogni volta che ti arriva dici sempre: “Cavolo che bellissima sorpresa!”

QUANDO SEI ARRIVATO A POLICORO QUALI SONO STATE LE PRIME SENSAZIONI CHE HAI PROVATO?

Mi sono subito sentito a mio agio, ho sentito vicinanza e calore sia tra gli organizzatori che tra noi partecipanti. Questo ha facilitato anche la socializzazione tra noi competitors e con i giudici.
I giudici sono stati sin dall’inizio molto chiari dicendoci di affrontare la competition come un vero e proprio friendly barman event, dove la prestazione a tutto tondo non deve essere l’obiettivo finale tanto quanto trasmettere se stessi e le proprie emozioni.

COME È STATA LA PREPARAZIONE PRIMA DELLA TUA PERFORMANCE?
Molto semplice e serena. Sono subito entrato nel mood della convivialità che poi è stato un po’ il fil rouge dell’intera serata. Io sono stato sin dall’inizio me stesso, ho lavorato tanto sulla tecnica, ma ho pensato soprattutto a divertirmi stando sereno ed affrontando l’evento carico di emozioni e sentimenti positivi.

COME HAI VISSUTO IL GIUDIZIO DEI 3 GIUDICI LORIS, MARCO E PAOLO?
Loro sono stati tutti e 3, sin dall’inizio, molto bravi a mettere a proprio agio tutti noi. È stato bello ascoltare i loro suggerimenti e giudizi e rimanere in contatto anche dopo la fine dell’evento. Sono stati bravissimi sia tecnicamente che umanamente riuscendo a non farci sentire per niente la pressione della gara.

RACCONTACI IL MOMENTO DELLA VITTORIA E DELLA PREMIAZIONE
Non me l’aspettavo proprio. È stato bellissimo rivedermi nel video che ha girato la mia ragazza…credevo che venisse nominato vincitore un altro ragazzo che aveva fatto una bellissima prestazione ed invece lo speaker ha fatto il mio nome!

ED IL VIAGGIO IN SCOZIA? COSA TI SEI PORTATO DA QUESTA ESPERIENZA?
Mi hanno colpito molto le persone, cordiali, vicine, incredibili come solo gli scozzesi sanno essere, divertenti e senza mai prendersi troppo sul serio. La cultura che c’è in Scozia nel mondo della ristorazione e del beverage è inifinita: ci sono locali uno di fianco all’altro, sempre pieni di gente che sorseggia un drink in maniera del tutto conviviale. I ristoratori, nonostante la vicinanza tra i locali, sono tutti molto contenti di essere uno vicino all’altro perché tutti i clienti prima o poi passano di locale in locale.

IN CHIUSURA: QUALI CONSIGLI TI SENTI DI DARE A CHI PARTECIPERÀ ALL’EDIZIONE 2018 DI UN COCKTAIL PER LA VITA?
Usare ricette semplici, sorridere sempre e godersi il momento essendo se stessi.

ED INFINE, PERCHÉ PARTECIPARE A UN COCKTAIL PER LA VITA 2018 SECONDO IVAN MILONE?
Perché è un giorno di festa, non è una gara dove l’obiettivo è superare gli altri, ma è un modo di affrontare un tipo di emozione diversa per entrare in connessione con colleghi di tutto il centro sud Italia e questa è un’esperienza bellissima…e poi perché c’è un premio finale bellissimo per il vincitore: volo a Berlino ed ingresso al Bar Convent, la più importante manifestazione europea sul beverage.

E TU, CI SARAI?
Vediamo…

 

Appuntamento a Policoro, tutte le info qui: https://www.facebook.com/uncocktailperlavita2018